I 10 migliori album del 2014

0
626

Cosa resteràaa, di questo duemilaaaquattordiciii (letto alla Raf).

Si dice in giro che nessuno compri più musica. Beh, non è vero, sono solo cambiate le modalità di pagamento, ma questo è un altro discorso che prima o poi approfondirò.

I 10 migliori album del 2014 - Damon Albarn Everyday robots

Il 2014 che sta finendo è stato un anno molto produttivo per la musica. Qui i 10 album migliori dell’anno per Dirty Little Review. Giusto per creare un po’ di inutile suspence, sono ordinati dal n.10 al n.1, toh.

Spoiler alert: non guardare l’immagine di questo post. 

#10
Fabi Silvestri Gazzè – Il Padrone della Festa
Se devo essere sincero, speravo in qualcosa di meglio da questi 3. Singolarmente, mi piacciono tutti molto (soprattutto Gazzè e Fabi dal vivo), ma in questo progetto avrebbero forse potuto osare di più. Credo però vada premiata l’idea di tre ottimi cantautori di mettersi a lavorare insieme. Con la giusta dose di nostalgia, ricordano i migliori Dalla e De Gregori di Banana Republic.

#9
Tinariwen – Emmaar
Personalmente li ho scoperti solo con questo disco, grazie alla recensione di Andrea. Durante i caldi giorni estivi (anche se pochi quest’anno) non ho ascoltato altro, i suoni del deserto dei Tinariwen mi hanno rapito ed entrano di diritto nella classifica di Dirty Little Review.

#8
John Butler Trio – Flesh & Blood
Non è di certo ai livelli di Sunrise Over Sea o di Grand National, ma il John Butler Trio, purtroppo ancora troppo poco conosciuti in Italia, sono tra i miei gruppi preferiti in assoluto.

#7
Brunori SAS – Vol. 3 – Il Cammino di Santiago in Taxi
Con questo disco il buon Dario Brunori non fa altro che confermarsi tra i cantautori contemporanei più interessanti. Saggio, buon musicista e comico: ha tutte le carte in regola per essere un grande. Vederlo live poi è un vero spettacolo.

#6
Afterhours – Hai Paura del Buio? 2014 Edition
Un tributo a un disco che ha fatto la storia del rock italiano, grandi ospiti che reinterpretano il miglior lavoro degli Afterhours. Solitamente le minestre riscaldate non mi piacciono. Questa fa eccezione. Ora che Giorgio Prette e Giorgio Ciccarelli se ne sono andati, aumenta anche la nostalgia.

#5
Edda – Stavolta Come mi Ammazzerai?
Sono nato con 10 anni di ritardo per vivere appieno musica che amo. Ho conosciuto quindi i Ritmo Tribale con un ritardo spaventoso, ma per fortuna Stefano Edda Rampoldi è tornato con questo album solista pazzesco.

#4
John Frusciante – Enclosure
Come tutti i dischi di Frusciante da solista, Enclosure non è così facile da ascoltare. Va sentito più volte, ma una volta scoperto per bene, i suoni di questo album rapiscono completamente. Il lancio del disco (da intendersi anche in senso letterale) dello scorso aprile è stato qualcosa di geniale. Devo ancora capire se il buon John sia un musicista illuminato o se si sia bruciato il cervello. Nel dubbio, lo amo.

#3
Morrissey – World Peace is None of Your Business
Anche in questo caso, ho scoperto gli Smiths e Morrissey troppo tardi. Il vecchio Moz fa musica da quasi 40 anni, ma ancora molto da dire. World Peace is None of Your Business ne è la migliore dimostrazione.

#2
Jack White – Lazzaretto
Beh, ormai sapete che quando si parla di Jack White ho sempre il sorriso stampato in faccia. Lazzaretto però è stupendo, forse il suo miglior disco, secondo solo ai i due album con i Raconteurs.

#1
Damon Albarn – Everyday Robots
Assioma: qualunque cosa faccia, Damon Albarn è un fenomeno, Blur, Gorillaz, The Good The Bad & The Queen, Rocket Juice & The Moon, Dr. Dee e mille altre progetti. Everyday Robots è probabilmente uno dei suoi migliori lavori di sempre. Non c’ho ancora scritto una recensione solamente perché lo sto prima studiando davvero per bene. E più lo ascolto, più mi piace.

 

Fuori classifica:

Thom Yorke – Tomorrow’s Modern Boxes
Sì ok, non è il Thom Yorke che preferisco. Ma per etica personale, tutto ciò che fa Thom Yorke deve essere considerato oro.

Ben Harper – Childhood Home
A dire la verità, non è tra i migliori lavori di Ben Harper. Va apprezzata però l’idea di registrare un disco con mamma-sua-bbella.

 

Ho dimenticato qualcosa per strada? Quali sono secondo voi i migliori album del 2014?


Enrico Grando