Per tutti. Riccardo Sinigallia alla Latteria Molloy

0
189

Ciò che mi piace sentire durante i concerti non è solamente la musica, ma soprattutto la presenza di chi quella musica la crea e la conduce fino a quel nervo scoperto che, alla base della colonna vertebrale, non aspetta altro. Parte una scossa, diventa un brivido e poi niente, sei catturato, in balia delle parole e della voce di un mago, che è riuscito a disarmarti, a smuoverti, a farti vivere.

Riccardo Sinigallia Latteria Molloy

Ciò che mi è piaciuto sentire di più durante il concerto di Riccardo Sinigallia è stata la sua risata. Calda, spontanea, sbarazzina, quella di una persona felice di essere su quel palco, di trasmettere musica, di parlare e dialogare con il pubblico. Poi certo, c’è la musica, ci sono i testi e un’interpretazione che quel brivido te lo fa sentire anche se in quel momento preciso sei distratto o in attesa di un bicchiere al banco. Delicato l’inizio con So delle cose che so, ad introdurre brani tratti dall’ultimo Ciao cuore, brano che ha coinvolto maggiormente il pubblico assieme all’intima versione de La descrizione di un attimo.

Ci sono due cuori sullo sfondo, uno disegnato a mano, come lo disegnerebbero un bambino o una coppia di innamorati, e un altro, immagine più fredda e anatomica, quasi a voler indicare i due volti del nostro cuore: semplice e spontaneo, che si abbandona alla leggerezza ed uno costretto in una cassa toracica, bisognoso di tutto il resto del corpo per funzionare bene. Entrambi emanano luce rossa, pulsano e si alternano mentre sul palco passano Le donne di destra, la bellissima dichiarazione Niente mi fa come mi fai tu e Dudu, forse il brano più potente del live.

Riccardo Sinigallia live molloy

Il mio personale nervo ha combattuto strenuamente, fino a dissolversi irreparabilmente alle note di Prima di andare via, fragile e tenace descrizione di un rapporto, mai staccato e indipendente da ciò che accade nel macrocosmo del mondo, ma spunto e motore per la crescita, l’evoluzione, il confronto. Con un sorriso, a cuor leggero.

Quando: Venerdì 18 gennaio 2019

Dove: Latteria Molloy, Brescia


Eleonora Morassut