La Maschera Live al Serraglio di Milano

Napoli arriva a Milano ed il Mediterraneo suona

0
310

Un live ha portato il sole del Vesuvio e della terra partenopea nella fredda Pianura Padana, in una vecchia officina della Milano lavoratrice degli anni ’60 trasformata in un locale focolaio di musica live.

La Maschera nel live al Serraglio di Milano ha svelato, cantato e suonato un film, un miracolo napoletano, dando al pubblico delle immagini di Napoli gioiose e tristi che si sono inseguite in un caleidoscopio di luce e ombre. Una città unica al mondo dove non ci sono vite rette ma sentimenti appassionati che mescolano ed incalzano le vita delle persone rendendole curve.

La Maschera

Il  tappeto musicale creato nel live è fatto di taranta napoletana (Pulcenella), di swing americano (Smile On Your Face), di blues, una dose di rock sussurrato per saltare, una vicinanza all’Africa degna di Avitabile e un sound mediterraneo vicino al primo Pino Daniele o ai Napoli Centrale. Un’intensità nei testi e nell’interpretazione, come nel brano La Confessione, che dipinge la fragilità dello spirito umano e le ombre buie presenti nei vicoli dell’allegria, eseguita con spirito teatrale.

Merito e demerito del live e della band potrebbe essere l’uso del napoletano, ma senza di esso non sarebbe stato così vero e intenso e sarebbe mancata quella Cazimma spensierata che ha portato il pubblico a essere parte attiva del live. I pochi presenti non affini a questa lingua hanno comunque ballato, saltato e compreso.

la maschera serraglio milano

Percepire una lingua come il napoletano, la quale è anche uno stato d’animo, è complesso ma per questo c’era da rivolgersi alle persone sorridenti presenti perché sì, nei volti dei presenti al live c’era il sorriso.

In definitiva, è stato un respiro di brezza di sud, una camminata nei vicoli della città che ancora partorisce ottimo sound e buona musica. Yamm guagliù!

Quando: Sabato 12 gennaio 2019

Dove: Serraglio, Milano


Nicandro Crolla