Tutto in una notte – La festa dei dieci anni di Dischi Soviet Studio

0
302

Ci sono i grandi eventi nei palazzetti, i concertoni negli stadi con decine di migliaia di persone. E poi ci sono i club sotterranei lungo le statali dove si vive di notte.
A pochi chilometri da casa mia c’è un club storico, tra i migliori del triveneto, il Vinile. Qualche chilometro ancora più a sud, sotto a una piazza di Cittadella, vive un’etichetta discografica che dà anima e corpo per sostenere la musica locale fatta bene: Dischi Soviet Studio.

Ogni tanto capita poi che i mondi del sottosuolo decidano di incontrarsi e quando succede scatta sempre una splendida festa. È stato così venerdì scorso, Dischi Soviet ha compiuto (i suoi primi) 10 anni e ha voluto festeggiare per bene al Vinile. Sul palco tre gruppi dell’etichetta – Alcesti, Bob Balera, Limone – e gli A Toys Orchestra, che da queste parti non si vedevano da un po’.

Sono gli Alcesti i primi a far partire la festa (oh, ma quanto mi piacciono gli Alcesti?), 30-40 minuti suonati davvero bene. L’ho detto più volte qui su Dirty Little Review, ‘sti ragazzi hanno un suono come davvero pochi in giro!

Alcesti

Quando sul palco salgono i Bob Balera scatta il delirio per il presidente di Dischi Soviet, Matteo Marenduzzo (bassista del gruppo). È a lui che dobbiamo grande musica local, è a lui che dobbiamo la serata. Sembriamo tutti grandi amici, l’atmosfera è delle migliori.

Bob Balera

Limone gioca in casa, e per farlo sentire ancora più a casa, solo per lui c’è il palchetto laterale davanti alla splendida collezione di dischi del Vinile. Prima del live lamenta un abbassamento di voce — classica mossa paracula, just kidding ;) — e invece sembra addirittura più in forma del solito. Daje Filippo, che qui stiamo aspettando il terzo disco!

Limone

Già così la serata sarebbe più che splendida, ma Dischi Soviet vuole festeggiare davvero in grande e ha chiamato come super (graditissimi) ospiti gli A Toys Orchestra. Enzo Moretto & co. non si vedevano in zona da un po’ di tempo e a giudicare dal pubblico c’era parecchia voglia di rivederli. Con un set di un’ora o poco più fanno avanti e indietro nella loro discografia e, cavolo, solo riascoltandoli dopo un sacco di tempo mi rendo conto che sono in giro da quasi vent’anni.

A Toys Orchestra

Sarà stata la combo di qualche Moscow Mule + qualche Americano + qualche birretta, ma serate musicali così non capitano molto spesso.

Lunga vita al Vinile, lunga vita a Dischi Soviet Studio!

 

Quando: Venerdì 18 gennaio 2019

Dove: Vinile – Rosà (VI)


Enrico Grando

Le foto sono di Luca Lago.