Culiduri – cul-tura

0
1345

CULIDURI - cul-turaI Culiduri sono tornati! Il Conte, Il Signorino e Il Disagio hanno deciso di rendere nuovamente il mondo un posto migliore con un nuovo EP, cul-tura.

Sì, lo so. Li conosco personalmente e non riuscirò mai a giudicarli oggettivamente, ma.. sentiteli! Non si possono non amare i Culiduri. Ascoltatevi i suoni di cui è capace Il Signorino al basso in Sbegliah, o la batteria de Il Disagio – aka Andrea, aka Morto per pochi nostalgici – su Buddah, o ancora lo spettacolo de Il Conte in Gigi. Il Disagio ha pure provato a convincermi che non serve per forza una recensione positiva, ma non c’è nulla da fare, fidatevi di ciò che scrivo.

Due anni fa, quando è uscito Ci Hanno Rubato il Disagio EP mi avevano letteralmente fulminato, stavo sentendo finalmente qualcosa di nuovo che mi piaceva molto. Aspettavo il disco, fisico anche, qualcosa da toccare, tutto ‘sto digitale ha rotto le palle, ma è arrivato solo un altro EP (o eppì, come dice Gianni) di tre pezzi.

Culiduri

Dopo un paio di birre post concerto mi avevano promesso le magliette, ma niente, neanche qui ho visto nulla, mi hanno lasciato solo la scaletta di quel concerto, prezioso cimelio rock di cui vado molto orgoglioso. Dei Culiduri non ci si può fidare insomma, almeno fanno musica figa.

Tre pezzi solamente dicevo, 6 minuti e 36 in tutto, suonati davvero bene. Appena sento il coretto iniziale di Buddah, capisco già di amare le nuove canzoni. Sbegliah è il migliore dei tre: corto, veloce e urlato, Gigi è il pezzo perfetto da urlare ai concerti.

Mentre scrivo mi rendo conto di essere troppo positivo, lo so, ma non posso farci nulla, sono i Culiduri! Un difetto devo trovarlo, mi sento in obbligo. Ecco.. per il titolo dell’EP, cul-tura, questa volta avrebbero potuto impegnarsi di più.

Ok, ora non mi offriranno più la birra che mi devono per questa recensione.

Naturalmente, è tutto in free download su Bandcamp.

Come ascoltarlo: Sotto la doccia. Anche la durata è perfetta, il disco finisce e siete praticamente già asciutti. Io ormai lo uso come unità di misura temporale.

Pezzoni: Sbegliah

Anno: 2015

La copertina è come al solito geniale. Questa volta l’ha disegnata Marina Patarnello.


Enrico Grando