Lemon Lemon – Double

0
338

È un periodo pesante per chiunque. Viviamo a metà da ormai quasi un anno, godiamo di piccoli momenti di serenità che fanno da fondamentale intervallo a lunghe giornate di angoscia. Forse sono sensazioni solamente mie, ma parlo al plurale perché coinvolgere tutti in qualche modo mi rincuora. La mancanza di stimoli culturali mi impigrisce e da tempo non stavo più ascoltando nulla di nuovo.

Lemon Lemon - Double

Recentemente però, mi è arrivato tra le mani Double, album fresco di pubblicazione di una band al suo primo lavoro, i Lemon Lemon. Perfetto, è esattamente ciò di cui avevo bisogno per essere risvegliato. Cinque pezzi composti e registrati tra due città, partiti da Manchester e arrivati a Treviso, scritti di getto, per essere qualcosa di fresco. L’obiettivo è stato raggiunto alla perfezione: mentre ascolto e scrivo sono seduto in modo scomposto su un divano, chiuso in casa per fuggire da una freddissima notte di gennaio, ma chiudendo per un attimo gli occhi mi sento a un festival estivo, birretta ghiacciata in mano e accenno di balletto sgraziato. (Madò, inutile dirlo, ma quanto mancano i live!)

Ascoltando il psych pop di Double, è chiaro quanto i Lemon Lemon siano fan dell’approccio DIY. Sono loro stessi a curare recording, mix e mastering e tutta la loro produzione (musica, video e foto) gravita attorno al LoFi, un mondo che vivono perfettamente.

Lemon Lemon

I Lemon Lemon sono Alberto Santinon (chitarra, voce, synth), Matteo Licordari (basso, synth) ed Edoardo Dotta (batteria, synth). A dare una mano al disco, tre splendide etichette meravigliosamente underground: Uglydog Records, SISMA MVMT e È Un Brutto Posto Dove Vivere.

Come ascoltarlo: Sedetevi nella poltrona più comoda e chiudete gli occhi. Vi troverete a un festival estivo con in mano una birra ghiacciata.

Pezzoni: Sometimes, Itwasamess

Anno: 2021


Enrico Grando