Una solitudine meravigliosamente rumorosa. Alone vol. IV, Gianni Maroccolo

0
113

Normale? Subnormale? Animale? Minimale? Anormale?

Il termine follia, stato di tremenda grazia, di rumorosa solitudine o caotiche compresenze, indicava originariamente un sacco o contenitore pieno d’aria (follis). Ma quale sia il contenitore e la valenza del contenuto al di là della metafora, nessuno è in grado di spiegarlo univocamente. Il corpo umano? La testa? E quest’aria contenuta, è buona o cattiva? Dono divino o punizione?

Nell’antica Roma si parlava di insania, ad indicare già una opposizione a qualcosa di sano, di convenzionale e normalmente prestabilito; le variabili lessicali odierne sono infinite e talmente ricche di sfumature da farci capire come l’argomento sia stato sviscerato e trattato fino nei più piccoli dettagli soprattutto nell’ultimo secolo, con la “medicalizzazione” vera e propria della follia: insensatezza, pazzia, squilibrio, dissennatezza.

Gianni Maroccolo - Alone Vol. IV

In Alone vol. IV, l’ultimo episodio del “disco perpetuo” di Gianni Maroccolo, la follia diventa stato di grazia creativa e la “solitudine” si fa compresenza. Con Maroccolo ci sono Giorgio Canali, Don Backy, Edda, Flavio Ferri, Umberto Maria Giardini, Teho Teardo, L’Aura.

Il contenitore è un immaginario sacco pieno di suggestioni sonore, echi e parole, eterogeneo ma mai dissonante, dalla musica d’autore alla sperimentazione elettronica, dal rock viscerale urlato all’acustico più delicato. Rabbia (T.S.O X), umida inquietudine sotterranea (Hotel Dieu), tensione e deliranti preghiere (Echi), distensione e sollievo momentanei (E mentre tu giri giri giri io ti guardo), amore (Lettera di Ida Dalser), sfumature di una stessa potente Luce interiore (Ogni Luce), pronta a esplodere in energia pura, potenza latente di quell'”atomo divino conficcato in ogni cuore umano”. In OGNI cuore umano.

Come ascoltarlo: Un disco da ascoltare con le cuffie sul cuore.

Pezzoni: Tutti.

Anno: 2020

Tracklist:
01. T.S.O. X, con Giorgio Canali
– Stanza 9
– Finisce male
– Suicide
02. Sognando, con Don Backy e Edda
03. Echi, con Flavio Ferri
04. E mentre tu ti giri, giri e giri, io ti guardo, con Umberto Maria Giardini
05. Lettera di Ida Dalser, con Giorgio Canali
06. Hotel Dieu, con Teho Teardo
07. Ogni luce, con L’Aura
08. Gamma, con Umaberto Maria Giardini
09. Sociopatia, con Giorgio Canali
10. Ogni luce theme


Eleonora Morassut