Lo Strano Frutto – Mi Innamoravo Di Tutto Quello Che Cadeva Dal Terzo Piano

0
152

Chitarra, cembalo e voce distortissima: si apre così il primo disco de Lo Strano Frutto, aka Enrico Capozzo (Teno, quello dei Muleta che a me mancano tanto, per capirci). E bastano questi tre elementi per farmi scoprire un disco che da una settimana è diventato la colonna sonora di ogni mia mattina.

Mi Innamoravo Di Tutto Quello Che Cadeva Dal Terzo Piano è una sberla dritta in faccia, senza alcun avvertimento. Teno si è chiuso in studio di registrazione e ha messo insieme cinque tracce folk-punk. Non sono mai stato capace di etichettare la musica che ascolto, ma credo che questo “folk-punk” stia bene cucito addosso a Lo Strano Frutto.

Lo Strano Frutto - Mi Innamoravo Di Tutto Quello Che Cadeva Dal Terzo Piano

Nella sua musica, Teno vomita completamente se stesso, è viscerale. Non appena ha iniziato a fare musica da solo, si è spogliato di tutto.

Mi innamoravo di tutto quello che cadeva dal terzo piano è un autoritratto di Teno, è un disco che gira intorno alla sua realtà – dove vive, come vive, cosa vive.

Marostica che è come New York
Ci sono solo artisti.

Sarà che questa realtà di Teno è simile alla mia, con solo una decina di anni di differenza, sarà che siamo figli della stessa geografia, sta di fatto che i suoi pezzi ultimamente mi sono entrati in testa e non riesco a non cantarli.

Lo Strano Frutto

Un’unica cosa, caro Teno, ‘sto titolo così lungo è una fatica bestiale! Facciamo che si salva solo perché mi ricorda i pezzi di Amore E Non Amore di Battisti, dove ci sono pezzi tipo Seduto sotto un platano con una margherita in bocca guardando il fiume nero macchiato dalla schiuma bianca dei detersivi.
Però ecco, per il prossimo pensa ai poveri sfigati come me che vogliono scrivere della tua musica e che per questo amano i titoli di 2 parole!

L’attitudine punk de Lo Strano Frutto si percepisce anche dalla difficoltà di trovare la sua musica: Spotify, Tidal, YouTube, Soundcloud, il disco non si trova.
Meno male che esiste il vecchio Bandcamp, il massimo della soddisfazione per la roba veramente buona.

Come ascoltarlo: Pomeriggio di primavera, stesi su un prato senza coperta

Pezzoni: Mi Innamoravo Di Tutto Quello Che Cadeva Dal Terzo Piano, Intro

Anno: 2018


Enrico Grando