Omar Pedrini live all’Orvettspace

0
105

Non ricordo più quante volte ho visto Omar Pedrini, live ma il vecchio Zio Rock resta sempre una sicurezza.

Con i Timoria ha fatto la storia del rock italiano, storia a cui io, come per tutte le cose, sono arrivato con un ritardo pazzesco (quant’è brutta giovinezza). Mentre i fan di sempre del gruppo iniziavano a sentire la mancanza di Renga, io mi innamoravo de El Topo Grand Hotel (sì, per me è il migliore disco dei Timoria). Poi a ritroso ho ascoltato tutto, certo, ma la mia voce preferita era comunque quella di Pedrini, che con la sua anima rock ha dato una spallata a quell’impostato di Renga.

Omar Pedrini live

Gli Uglydogs hanno portato Pedrini in un posto splendido – L’Orvettspace di Mussolente (VI): un capannone pieno di mobili, tavoli, sedie e poltrone vintage e di design e tappeti, chiunque entra all’Orvett è immediatamente affascinato dal posto. Ad accogliere il pubblico con il set d’apertura c’è Nicola Lotto, cantautore padovano del Piccolo Digitale Mondo Antico.

Dopo di lui, sopra la pedana in legno che fa palco salgono Omar e Marco Grasselli, chitarrista dal 2012 sempre a fianco di Pedrini sul palco. Chi mi conosce sa che qui c’è un conflitto di interessi, ma quando si fanno cose splendide bisogna dirlo, e sabato scorso è stato davvero splendido.

Qualche lampada, due sgabelli e due chitarre. Partono con Via Padana Superiore, probabilmente il miglior pezzo dei Timoria, giusto per far capire da subito le intenzioni del live.
Io sono ancora distratto, con una birra in mano saluto gli amici che arrivano e finisco le ultime incombenze organizzative. Ma non appena sento “Cade la pioggia e piovono i ricordi, A questo foglio non so che dire ormai” mollo tutto (non la birra però) e vado a godermela.

Omar Pedrini Marco Grasselli

L’atmosfera è delle migliori, Omar è magnetico e con gli occhi perennemente sorridenti ci racconta aneddoti dietro le sue canzoni. Dai pezzoni storici dei Timoria (Senza Vento, Sangue Impazzito, Sole Spento) ai più recenti lavori da solista (Che Ci Vado A Fare A Londra?, Nina – gran bel pezzo questo). Omar scomoda anche i più grandi con degli omaggi splendidi (omaggi sì, non cover): Neil Young (Hey Hey My My), Talking Heads (Heaven) e la nostra PFM (Impressioni Di Settembre).

Con Pedrini non è mai solamente un concerto. È anche un incontro tra amici, una chiacchierata al bar, con tanto di birre post concerto e un sacco di foto e abbracci.
L’unica differenza è che uno di questi amici ha fatto la storia del rock italiano.

Uglydogs

Quando: Sabato 13 ottobre 2018

Dove: Orvettspace – Mussolente, VI


Enrico Grando

Le foto sono di Veronica Bassani, potete vedere l’intero album qui.