Giudah! – Una sberla in primavera

0
464

Hardcore, post-rock ed elettronica: era un pezzo che non sentivo un debutto così.
I Giudah! sono tre musicisti di Treviso al loro primo disco insieme e in questo lavoro hanno messo dentro più o meno tutto ciò che sto ascoltando ultimamente.

giudah!

Nove tracce che suonano come una sberla che ti risveglia una volta per tutte da quella sonnolenza primaverile (dai, siamo tutti un po’ rincoglioniti ultimamente, non sono da solo). Federico (voci, sampler, synth, batteria), Maurizio (voci, synth, chitarre) e Alessio (basso, drum machine) ci sanno davvero fare. In Giudah! (disco omonimo) si sente il passato metal e hardcore dei componenti del gruppo, ma hanno voluto aggiungerci un bel po’ di elettronica, quasi dub a tratti, e il risultato è davvero ottimo.

Giudah!

Che poi, chi legge Dirty Little Review sa che spesso faccio il fenomeno ma alla fine di elettronica non capisco davvero nulla. Sono cresciuto musicalmente mangiando dischi di Pearl Jam e Afterhours e quando si tratta di ballare o muovermi un po’ faccio davvero pena. Ho ascoltato però il disco dei Giudah! la prima volta in ufficio, con il volume delle cuffie sparatissimo e non riuscivo davvero a non muovere la testa e a godermi i suoni di synth e drum machine. Friday Night Theme è il pezzo migliore dell’album, tre minuti e mezzo che ti restano in testa almeno per le successive tre ore.

giudah!

Il disco sta uscendo giusto oggi (11 aprile 2016 per chi leggerà tardi), potete già ascoltare qualche pezzo nel soundcloud della band.

So già che tra un po’ tornerò al mio rock noioso, ma intanto tengo le cuffie in testa il più possibile e mi godo il suono dei Giudah!

Come ascoltarlo: Rigorosamente in cuffia per godere dei mille suoni. Non in macchina, potrebbe essere pericoloso.

Pezzoni: Friday Night Theme, A Teaser

Anno: 2016


Enrico Grando